F.A.Q.

HPV E PATOLOGIE CORRELATE:

  DOMANDE DALLA RETE
Follow up HPV
Conizzazione hpv
Displasia moderata cin 2 e hpv correlata
Papilloma virus
HPV modalità di contagio e vaccino
   
   
Cos’è l’HPV e cosa provoca?
L’HPV causa il cancro dell’ utero?
Quanti tipi di HPV esistono?
Quali sono e cosa provocano gli HPV a basso rischio?
Quali sono e cosa provocano gli HPV ad altro rischio?
L’HPV causa il cancro dell’ utero?
Come si contrae l’HPV?
Come proteggersi dall’HPV?
Sesso orale e HPV?
Come si scopre l’infezione da HPV?
Cos’e’ l’ HPV test?
Quando fare l’HPV test?
Come interpretare il risultato dell’HPV test?
Cosa provoca l’HPV nell’uomo?
L’ HPV test nell’uomo?
Si cura l’ HPV?
E’ pericolo l’ HPV e gravidanza?
HPV e prevenzione?
I vaccini per l’HPV sono efficaci?
I vaccini per l’HPV sono pericolosi?
Come agiscono i vaccini?



Follow up HPV.

(D) Nel giugno 2007 dopo un controllo con pap-test si sono riscontrate cellule squamose atipiche, La biopsia ha diagnosticato A) frammento di mucosa cervicale con CIN 2 e HPV B) mucosa endocervicale con metaplasia squamosa. Fu effettuata una conizzazione con (2,2 x 1,8 cm; Prelievi 1-6 labbro anteriore, 7-11 labbro posteriore).
Diagnosi: CIN 2-3 della zona di trasformazione del labbro posteriore in cono di portio con flogosi acuta e cronica ed alterazioni reattivo metaplastiche. La neoplasia intraepiteliale interessa il margine di exeresi esocervicale in più punti.

Un anno dopo il test HPV diede risultato negativo, così come pap test e colposcopia.
Sono stata seguita annualmente fino al 2012 dal centro di Screening presso cui sono stata operata nel 2007.
Ho poi continuato in maniera indipendente con visite annuali di controllo (pap test e in alcuni casi colposcopia perchè offerta dal medico) con pap test sempre negativi.

Quest'anno, avendo l'idea di una gravidanza, mi è stato offerto di rifare il test HPV che è risultato positivo per HPV 59. Pap test e colposcopia sono risultati negativi e quindi mi è stato consigliato di tornare per un controllo tra 6 mesi.

  1. potrebbe trattarsi dello stesso virus del 2007? tra le mie carte non trovo indizi di una tipizzazione ma mi sembrava di ricordare si forsse parlato di HPV 16 o 18. Ma potrei sbagliarmi. Sui referti si parla solo di HPV positivo.
  2. HPV 59 è un tipo aggressivo?
  3. potrebbe trattarsi di una cosa passeggera? ho lo stesso compagno da 6 anni, dal 2010, e prima di me lui ha avuto solo un altro partner sessuale per 20 anni che non ha mai avuto problemi con il hpv. Quindi non capisco come possa essere che dopo il test negativo del 2008, ora io sia di nuovo hpv positiva.
  4. la gravidanza incide sui movimenti del hpv? Potrebbe far riattivare il virus più rapidamente?
  5. su Internet leggo cose che mi spaventano: ho letto che hpv 59 può essere associato all'adenocarcinoma della cervice che non può essere individuato facimente da pap test e colpo. É davvero così?
  6. nel 2007 si disse che i margini erano interessati e la cono fu completata con una "bruciatura" dei margini (non so se il termine è corretto). Si disse anche che a causa dei margini una recidiva era possibile. Ma dopo 5 anni di pap test e colpo negativi si disse che la cono del 2007 era risultata definitiva. Il mio ultimo pap test è sempre negativo, ma può essere che qualcosa di nascosto alberghi in questi margini?

(R)

  1. POCO PROBABILE MA POSSIBILE. SEBBENE L'ORGANISMO REAGISCA ALL'INFEZIONE VIRALE CON UNA RISPOSTA IMMUNITARIA, TALORA QUESTA RISPOSTA E' DEBOLE
    E PERTANTO NON SUFFICENTE AD EVITARE UNA NUOVA INFEZIONE.

  2. SEBBENE L'HPV 59 SIA CLASSIFICATO TRA I CEPPI AD ALTO RISCHIO LA POSSIBILITA' CHE SI INTEGRI NEL DNA CELLULARE E QUINDI DIVENTI POTENZIALMETE ONCOGENO SONO MINORI RISPETTO AD ALTRI CEPPI.

  3. IL PAPILLOMA VIRUS E' UN VIRUS MOLTO DIFFUSO TRA LA POPOLAZIONE SANA E CON LUNGHI PERIODI DI LATENZA, PER CUI E' DIFFICILE RISALIRE AL PERIODO DELL'EVENTUALE CONTAGIO.

  4. LA GRAVIDANZA PUO' ESSERE UNA DELLE CAUSE DELL'ATTIVAZIONE VIRALE.

  5. ALCUNI CEPPI DI HPV SONO ASSOCIATI PIU' FREQUENTEMENTE DI ALTRI AD ADENOCARCINOMA. LA ASSOCIAZIONE PIU' FREQUENTE IN ASSOLUTO E' CON IL CEPPO 18, SEGUE IL 16 E IL 45. LE ASSOCIAZIONI CON ALTRI CEPPI SONO IRRILEVANTI.
    LA DIAGNOSI CITOLOGICA E COLPOSCOPICA DI UN ADENOCARCINOMA E' COMUNQUE PIU' DIFFICILE.

  6. LA TERAPIA EFFETTUATA NEL 2007 E' STATA RISOLUTIVA.
    IL FATTO CHE IL PAP TEST SIA NEGATIVO SIGNIFICA CHE IL VIRUS NON HA PORTATO ALCUN CAMBIAMENTO PATOLOGICO NELLE CELLULE E CHE C'E' DA ASPETTARSI UNA RISOLUZIONE SPONTANEA DEL PROBLEMA.

up



Conizzazione hpv.

(D) Salve,il 24-2 ho fatto una conizzazione leep con esito istologico bordi regolari ho 31 anni e sono sposata da 5 mesi!
Vorrei capire quando e se potrò avere un figlio e se potrò riprendere i rapporti normalmente con Mio marito o rischiamo di passarci il virus! Noi da un mese seguiamo l' astensione sessuale ma ora ho tanta paura..paura dettata dal non sapere! Noi vogliamo un figlio e vogliamo tornare ad una vita normale!

(R)

Le conizzazione con ansa diatermica è un intervento conservativo che lascia integre le potenzialità riproduttive.
Riguardo all'attività sessuale potete riprenderla quando vi sentite. Il papilloma virus è un virus molto diffuso tra la popolazione sana, dunque molti di noi vengono a contatto con esso senza che il virus dia segni di sé.
L'uomo è un portatore sano, nella donna qualche volta come nel suo caso può causare una lesione sul collo dell'utero che si risolve con un piccolo intervento consistente nell'asportazione della parte interessata . L'intervento è in genere risolutivo e in seguito a questo si crea una sorta di immunità che rende il tessuto meno recettivo ad infezioni successive Si suggerisce comunque controlli più ravvicinati nei primi tre anni dall'intervento.

Nessuna preclusione ad una gravidanza

up



Displasia moderata cin 2 e hpv correlata.

(D) Sono una giovane donna di 26 anni che ad aprile dello scorso anno è stato diagnostica un HPV ceppo 31. A seguito ho effettuato colposcopia (senza esame bioptico) ed esame citologico da cui ne è uscito "assenza di lesione intraepiteliale o malignità.

Ripeto pap test a ottobre che risulta "inadeguato per eccesso di flogosi ed emazie, ripeto pap test a novembre che risulta anomalo, a dicembre scopro di avere LSIL, gennaio displasia moderata CIN 2 con hpv, suddetta, correlata dall'esame a striscio "cellularità adeguata, positivo per lesioni di basso grado delle cellule epiteliali squamose.
A breve subirò intervento di escissione (credo), vorrei sapere, quante possibilità ho di liberarmi da questo "male"?Ho paura del peggio, ho paura che peggiori, la mia ginecologa credo abbia fatto il meglio ma io non riesco a stare tranquilla, temo per la mia fertilità, per le mie ovaie, ho paura del sesso con il mio fidanzato, soprattutto, dopo quanto tempo realmente potremo tornare ad un attività sessuale "normale"?
Seppur questo è l'ultimo dei miei problemi vorrei sapere cosa rischio tornando ad una "normale" attività sessuale con il mio partner, soprattutto quante possibilità ci sono che questa displasia anche una volta operata di evolva in qualcosa di brutto?Sono una fumatrice, ho letto che questo è un elemento che contribuisce alla formazione di malignità, devo davvero smettere?Chiedo scusa per le domande forse assurde o poco chiare ma sono davvero in ansia, ho paura per la mia salute, per le mie ovaie e per la mia fertilità.Ultima domanda, che controlli dovrà eseguire il mio partner nel frattempo!

(R)

Se il referto che lei riferisce è "cellularità adeguata, positivo per lesioni di basso grado delle cellule epiteliali squamose" la lesione in questione ha un alta probabilità di guarire spontaneamente in un breve periodo di tempo (12-24 mesi) sopratutto nelle persone giovani come lei.
In questi casi si consigliano solo controlli periodici più ravvicinati fino alla scomparsa spontanea della lesione Il partner non deve effettuare nessun controllo

 

(D) Perché allora la mia dottoressa ha ritenuto dover effettuare un escissione?
Il reperto bioptico riferisce "frammento di tessuto biancastro di un centimetro circa di dimensione. Epitelio esocervicale sede di displasiamoderata cin 2.
Sono davvero preoccupata.e rispetto ai rapporti sessuali come devo comportarmi?

(R)

Nella sua mail non era emerso con chiarezza, o perlomeno non avevo capito, che aveva effettuata anche un esame bioptico. In questi ultimi anni , nelle persone giovani come lei, si tende comunque, in anche in caso di CIN 2, a tenere un atteggiamento di attesa. Infatti le probabilità di guarigione sono sempre elevate in quanto la lesione è, in un alta percentuale di casi, ancora la conseguenza della azione infiammatoria del virus sulla cellula.

Naturalmente la condotta terapeutica dipende dalle caratteristiche colposcopiche della lesione e pertanto la decisione finale è frutto di una valutazione di insieme del caso.

Secondo alcuni studi relativamente recenti l' avere sessuali protetti favorirebbe la guarigione spontanea della infezione, ma la materia rimane ancora controversa. Personalmente, se il profilattico costruisce un problema, non vedo la necessità di usarlo nella vita di coppia stabile

up



Papilloma virus

(D) Salve, scrivo per un consulto in merito a dei chiarimenti (ed anche un po' per ansia e paura). Da circa sei mesi ho scoperto tramite visita ginecologica con colposcopia di essere affetta da condilomi vulvari e qualcuno anche all'ingresso della vagina, poi creste di gallo sulle piccole e grandi labbra.
Probabilmente li ho già da tempo ma non li avevo mai notati e soprattutto non mi hanno mai recato fastidio. Il ginecologo mi fece subito la colposcopia per escludere lesioni interne alla cervice e al collo dell'utero, per fortuna assenti.
Quindi eseguì la biopsia vulvare con risultato negativo. A distanza di sei mesi non sono riuscita a curare questi condilomi con la crema prescritta e così abbiamo optato per la terapia laser CO2 che farò a breve. Mi permane il dubbio dopo essermi documentata un po' su internet riguardo il papilloma virus, perché il mio ginecologo non mi ha prescritto il pap test e soprattutto il test hpv per evidenziare il ceppo di questi condilomi?
Sono terrorizzata e soprattutto mi sento così in colpa nei confronti del mio nuovo compagno che ha manifestato pochissimi condilomi a distanza di 4 mesi che brucerà anche lui a breve, ma purtroppo l'ho scoperto dopo averlo conosciuto.
Poi ho letto che si trasmettono anche oralmente, è davvero così? Il mio medico curante mi dice di stare tranquilla ma io sto entrando nel panico totale. Paura per hpv di ceppo ad alto rischio. Come comportarmi? Vorrei dei chiarimenti.

(R)

I condilomi sono causati da ceppi di HPV definiti a bassi rischio (6-11) , perché non hanno alcuna potenzialità evolutiva verso forme tumorali e quindi la tipizzazione è superflua.
I condilomi infatti regrediscono spontaneamente nel giro di 6 mesi 1 anno.
Per motivi psicologici ed estetici,quasi sempre, si preferisce intervenirne per eliminarli con creme o con cauterizzazione laser o elettrochirurgica.

Se ha eseguito un esame colposcopico ed è risultato negativo, il pap test è superfluo, soprattutto tenendo conto della sua età.

Infine la lingua ed il cavo orale sono sedi poco adatte , per motivi anatomici ed ambientali, allo sviluppo di lesioni condilomatose .
La trasmittibilità esiste ed esiste anche la possibilità che si possano formare lesioni condilomatose nel cavo orale però l'evento è molto più difficile a realizzarsi rispetto all' area genitale.

Avendo avuto entrambi i condilomi non c'è motivo di avere rapporti protetti pertanto ..."potete ritornare serenamente alle vecchie abitudini"La condilomatosi, conosciuta e descritta fin da i tempi degli antichi egizi, è espressione di una infezione virale del tutto innocua che guarisce spontaneamente e che difficilmente si ripresenta, in quanto nell'organismo si stabilisce una sorta di immunità.
Non ci sono dunque motivi di preoccupazione

Concludendo segua i consigli del curante.

up


HPV modalità di contagio e vaccino

Salve, sono una ragazza di 19 anni, e vorrei fare il vaccino per l'hpv. Non ho mai avuto rapporti completi. Documentandomi su internet ho trovato molte informazioni su questo virus, tuttavia alcuni miei dubbi non sono stati chiariti.

(D)
Il virus è trasmissibile tramite sesso orale attivo e/o passivo?

(R)

Il virus si trasmette alla cute e alle mucose per contatto dunque anche tramite sesso orale alle mucose interessate dal contatto.


(D)
Il mio fidanzato ha effettuato un test dell'Hpv ed è risultato negativo, in precedenza ha avuto molto rapporti sessuali protetti, potrebbe essere un portatore sano?

(R)

Il preservativo e' un ottimo sistema di prevenzione nella malattie sessualmente trasmesse pero' non protegge completamente contro il virus. Dunque il fidanzato potrebbe essere un portatore sano.


(D) E' meglio astenersi completamente da rapporti sessuali prima del vaccino o è sufficiente avere rapporti sessuali protetti?

(R)

L'efficacia del vaccino e' massima quando non si e' venuti in contatto con il virus. Per questo motivo viene consigliato prima del primo rapporto sessuale. Avere rapporti sessuale protetti prima della vaccinazione puo' essere pero' un buon compromesso.

up


Cos’è l’HPV e cosa provoca?

Il papilloma virus (PV) è molto frequente in natura. Infetta la cute e la mucosa di molti animali provocando verruche e tumori cutanei.
Conosciuto con l’acronimo HPV (dall’inglese Human Papilloma Virus), è presente e molto diffuso anche nella specie umana. Può essere causa di verruche (i cosiddetti condilomi) e di alcuni tumori epiteliali, il più frequente dei quali è quello della cervice uterina.

up



L’HPV causa il cancro dell’ utero?

La possibilità che l’infezione virale causi un tumore della cervice uterina è molto rara se si tiene conto della diffusissima presenza del virus nella popolazione sana: si stima, infatti, che oltre il 90% delle persone che hanno avuto più di un partner siano venute a contatto con il papilloma virus almeno una volta nella propria vita, ma nella maggioranza dei casi il virus scompare spontaneamente e in breve tempo (6-24 mesi) senza dare segni di sé.

up



Quanti tipi di HPV esistono?

Esistono più di 100 tipi di HPV; di questi, 40 infettano l’area genitale. Etichettati con un numero progressivo, i più diffusi sono i 6, 11, 16, 18, 31 33 35 39 45 si distinguono in HPV a basso rischio (HPV-LR/Low Risk.) e HPV ad alto rischio (HPV-HR/High Risk).

up



Quali sono e cosa provocano gli HPV a basso rischio?

Gli HPV 6 e 11 sono definiti a basso rischio (HPV-LR/Low Risk)in quanto possono provocare sui genitali esterni piccole escrescenze verrucose (i condilomi acuminati) che tendono a guarire spontaneamente e non si trasformano mai in tumore.

up



Quali sono e cosa provocano gli HPV ad alto rischio?

I virus 16, 18, 31, 33, 35, 45 ma soprattutto il 16 e 18 sono definiti ad alto rischio perché possono provocare anormalità nelle cellule della cervice uterina (la parte terminale dell’utero che si apre nella vagina cervicale).
La maggior parte delle alterazioni cellulari provocate da questi virus guarisce spontaneamente. Solo una modesta percentuale permane e, se non curata, progredisce lentamente verso forme tumorali inoltre sono necessari molti anni perché queste lesioni si trasformino in tumore, e solo pochissime donne con infezione da papilloma virus sviluppano un tumore del collo dell’utero.

up



L’HPV causa il cancro dell’ utero?

La possibilità che l’infezione virale causi un tumore della cervice uterina è molto rara se si tiene conto della diffusissima presenza del virus nella popolazione sana: si stima, infatti, che oltre il 90% delle persone che hanno avuto più di un partner siano venute a contatto con il papilloma virus almeno una volta nella propria vita, ma nella maggioranza dei casi il virus scompare spontaneamente e in breve tempo (6-24 mesi) senza dare segni di sé.

up



Come si contrae l’HPV?

Il virus si contrae con il contatto sessuale, non necessariamente con un rapporto completo. Si esclude il contagio indiretto (attraverso biancheria, asciugamani ecc.).

up



Come proteggersi dall’HPV?

I preservativi, molto efficaci nel prevenire alcune malattie sessualmente trasmesse, non sono altrettanto efficaci nel caso dell’HPV. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che l’ HPV si trova anche sulla pelle non protetta dal preservativo.

up



Sesso orale e HPV?

Il virus può essere presente, oltre che nelle zone genitali, in altre parti del corpo, come, ad esempio, sulla pelle o nelle mucose orali.
Tale presenza, tuttavia, non determina conseguenze in quanto la conformazione anatomica di queste sedi è poco recettiva al virus e, dunque, solo raramente permette lo sviluppo della malattia. La papillomatosi orale conseguente ad infezione da HPV, oltre ad essere un evento raro, è una condizione benigna che si risolve senza conseguenze.

up



Come si scopre l’infezione da HPV?

L’infezione si scopre attraverso un test effettuato durante una visita ginecologica, chiamato HPV test.

up



Cos’e’ l’ HPV test?

E’ un test che rivela la presenza dell’infezione da HPV. Viene effettuato su un campione di cellule prelevato dalla cervice uterina con le stesse modalità con cui viene raccolto il materiale necessario per eseguire il pap test.

up



Quando fare l’HPV test?

Il test, che aiuta a definire il rischio di sviluppare la malattia, è eseguibile in modalità diverse nella prevenzione del cancro cervicale:

  • nello screening assieme al pap-test o, oggi sempre più frequentemente , in alternativa ad esso
  • per valutare l’opportunità di un trattamento quando il pap test è dubbio o presenta leggere alterazioni delle cellule
  • per valutare l’efficacia di un trattamento eseguito successivamente all’individuazione di una lesione cervicale da HPV

Nelle giovani donne la presenza dell’HPV è molto alta ma anche fugace: per questo motivo, si sconsiglia di effettuare il test sotto i 30 anni di età. Si rischia, infatti, di trovare e, quindi, di controllare e talora trattare moltissime infezioni destinate a scomparire spontaneamente. Si consiglia invece una regolare attività di screening con il pap-test a partire dai 25 anni di età.

up



Come interpretare il risultato dell’HPV test?

Un HPV test negativo segnala che l’HPV non è presente.
In questo caso, il rischio di sviluppare una malattia è molto basso. Sarà pertanto sufficiente sottoporsi con regolarità allo screening.

Un HPV test positivo in una donna sana indica solamente che è venuta a contatto con il virus.
In questo caso dovrà sottoporsi al pap test , esame più specifico che individua se il virus ha provocato anormalità cellulari. In caso di negatività del pap test, si dovranno eseguire controlli citologici più ravvicinati fino alla scomparsa del virus. Se il pap test è dubbio o presenta lievi alterazioni cellulari, il rischio di sviluppare la malattia è più alto. In questo caso è consigliabile un esame con un particolare microscopio (colposcopio ) che permette di ispezionare a forte ingrandimento il collo dell’utero.
Sulla base di questo esame il ginecologo consiglierà i controlli successivi.

.up



Cosa provoca l’HPV nell’uomo?

Gli HPV a basso rischio (6 e 11) possono provocare nell’uomo, così come nella donna, i condilomi acuminati.
Gli HPV ad alto rischio (16 e 18), invece, pur essendo presenti sulle mucose peniene, non provocano quasi mai alterazioni cellulari suscettibili di portare al tumore.
L’uomo, in questo caso, viene definito portatore sano: trasmette cioè la malattia senza manifestarla su di sé..

up



L’ HPV test nell’uomo?

Non esistono in commercio test validi in grado di rilevare la presenza del virus nelle mucose peniene. Va tuttavia detto che, essendo la diffusione dell’ infezione virale nella popolazione sana molto alta, transitoria e reversibile, resta da stabilire l’effettiva utilità di questo tipo di test qualora fosse disponibile.
La penoscopia (equivalente della colposcopia), tesa ad accertare la presenza di lesioni da HPV sul pene, è di scarsa utilità in quanto l’uomo, a parte i condilomi acuminati, non manifesta mai i segni clinici di una infezione virale.

up



Si cura l’ HPV?

Il virus del papilloma, come la maggior parte dei virus, non è curabile. Si curano le alterazioni che il virus determina sull’ epitelio della cervice uterina.
Molto spesso si tratta di lesioni in fase iniziale che, quando non regrediscono spontaneamente, vengono asportate con piccoli interventi ambulatoriali che lasciano integra la parte e non hanno alcuna interferenza con la fertilità e la vita sessuale.
Sarà il ginecologo a decidere quando è il caso di trattare queste lesioni.

up



E’ pericolo l’ HPV e gravidanza?

I tipi di HPV che possono causare il cancro cervicale sono molto frequenti nella popolazione sana e non si conosce alcun effetto negativo sulla gravidanza.
Perciò in presenza di HPV non c’è alcun motivo di modificare le normali cure ed attenzioni per la gestazione.

up



HPV e prevenzione?

Recentemente sono stati prodotti alcuni vaccini che prevengono l’infezioni dei principali tipi di HPV.
I vaccini si sono rivelati molto efficaci e la massima efficacia si ottiene quando la vaccinazione viene effettuata prima dell’inizio dell’attività sessuale.

up



I vaccini per l’HPV sono efficaci?

I vaccini in commercio prevengono l’infezione dei principali e più frequenti tipi di HPV, ma non di tutti.
La prevenzione vaccinale ne copre infatti il 70% circa.
Pertanto, sebbene il rischio di contrarre l’HPV e, poi, di sviluppare lesioni sia molto basso, è necessario continuare a sottoporsi a regolari controlli di screening.
Per rendere più efficace l’effetto preventivo, si sta dibattendo nel contesto scientifico sulla possibilità di estendere la vaccinazione anche all’uomo.

up



I vaccini per l’HPV sono pericolosi?

I vaccini a disposizione contro le infezioni da HPV non sono vaccini attenuati o inattivi, contenenti cioè l'agente virale indebolito o ucciso.
Sono invece costituiti dalle cosiddette Vlp: virus-like particles (particelle fotocopia) , particelle che simulano l’involucro virale dell'involucro sono prodotte in laboratorio da cellule di lievito di birra (Saccharomyces cerevisiae) mediante tecnololgia da DNA ricombinante sono dunque prive del materiale genetico e, pertanto, non hanno la capacità di infettare le cellule, replicarsi e quindi causare l'infezione.
Le reazioni associate alla vaccinazione sono state febbre e reazioni locali nella sede di iniezione. Raramente sono state segnalate anche reazioni di possibile natura allergica
Altri effetti collaterali possono riguardare anche vertigini, svenimenti, febbre, nausea e vomito, ma questi sintomi sono rari, non durano a lungo e di solito si risolvono spontaneamente .
Come agiscono i vaccini?
Le particelle virus like , simulando la presenza del virus, provocano una reazione da parte del sistema immunitario che reagisce aggredendo le particelle fotocopia , quindi anche il virus.

up



Come agiscono i vaccini?

Le particelle virus like , simulando la presenza del virus, provocano una reazione da parte del sistema immunitario che reagisce aggredendo le particelle fotocopia, quindi anche il virus.

up



CONTRACCEZIONE
GINECOLOGIA
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
HPV E PATOLOGIE CORRELATE
INFEZIONI
MENOPAUSA
PAP-TEST E COLPOSCOPIA
SALUTE
SENOLOGIA

Se tra le FAQ non trovi il quesito che ti interessa, puoi scrivere direttamente al mio indirizzo e-mail


Via Capitan Fiorillo 11, 54033 MARINA DI CARRARA (MS)
mob: 335/6663687 - email: gentili.cc@libero.it